Manfredonia, poche lire e sogni infranti: il lavoro minorile e l’evasione scolastica in un’indagine e una mostra fotografica degli Anni Settanta

Semler Nele, Sneakers da donna Beige Beige 028 panna

Due distinte iniziative, svolte a distanza di pochi mesi, tra il dicembre del 1971 e l’agosto del 1972, presentano alla città uno spaccato crudo e significativo di un tempo passato (?): bambini e ragazzini al lavoro soprattutto per necessità con una paga media di 2300 lire alla settimana , per 6-9 ore di lavoro , che abbandonano la scuola o sono impiegati nell’orario postscolastico nei mestieri più diversi e che nella stragrande maggioranza, come massima aspirazione, coltivano il sogno di poter continuare con le umili mansioni svolte . Continua a leggere “Manfredonia, poche lire e sogni infranti: il lavoro minorile e l’evasione scolastica in un’indagine e una mostra fotografica degli Anni Settanta”

Annunci

Pasquale Panico: dalla vigna di Pavoncelli a Palazzo Madama

CINTI Mi2020, Stivaletti Donna Nero

RITRATTI DALLA PRIMA REPUBBLICA N.3

Ieri Pasquale Panico ci ha lasciati. « È importante raccontare le storie: perché se ne conservi una traccia e si sappia che, dietro le parole che narrano i ricordi, ci sono i sacrifici e le passioni di tante donne e di tanti uomini, che hanno lottato e si sono sacrificati per alcuni ideali, e hanno fatto andare avanti il motore della storia », aveva scritto nel suo libro di ricordi Schegge di storia , con prefazione di Geppe Inserra (e curato da Carlo Inserra). topschuhe24, Scarpe col tacco donna Nero

Franco Galasso: un galantuomo nell’impegno politico e nella passione per lo sport

RITRATTI DALLA PRIMA REPUBBLICA N.2

Per comprendere in pieno la figura di Franco Galasso è necessario avere ben chiaro ciò che è stato il fascismo in Italia. Ci si chiederà, legittimamente, quale può essere il nesso tra il “ventennio” e la vita di un cattolico democratico. Il fatto è che Franco Galasso il fascismo lo ha conosciuto eccome, ed in anni importantissimi per la sua esistenza. Continua a leggere “Franco Galasso: un galantuomo nell’impegno politico e nella passione per lo sport”

Hush Puppies Mens Leverage SlipOn, Black, 43 EU/9 UK

Numerose persone ci hanno scritto o contattato per chiederci di pubblicare altre parti del diario di Mons. Cesarano, vista la difficoltà di reperire il KHSKXSexy Tacchi Alti Con Una Puntata Superficiale Bocca Primavera Le Scarpe Scarpe Corrispondono Tutti Primavera Primavera Forty Gray Thirtyfour
, andato a suo tempo quasi esaurito.
Perciò pubblichiamo la continuazione della giornata del sabato 25 settembre 1943, quella dell’esplosione al castello, e le due successive . Continua a leggere “L’occupazione militare tedesca a Manfredonia 2: il saccheggio e i dieci ostaggi, dal diario di Mons. Cesarano”

L’occupazione militare tedesca a Manfredonia: il giorno che fu fatto esplodere il castello, dal diario di Mons. Cesarano

Il diario di mons. Andrea Cesarano è uno straordinario documento sul periodo dell’occupazione tedesca di Manfredonia, durante la Seconda guerra mondiale. In quei fogli manoscritti, che egli qualifica come “ Promemoria ”, sono annotate le drammatiche vicende sipontine che vanno dall’8 settembre al 1° ottobre del 1943. Continua a leggere “L’occupazione militare tedesca a Manfredonia: il giorno che fu fatto esplodere il castello, dal diario di Mons. Cesarano”

La pietra di Apricena nell’arte

di Felice Clima*

  Tra gli impieghi meno noti e pubblicizzati della pietra di Apricena ci sono quelli relativi alle opere d’arte. Continua a leggere “La pietra di Apricena nell’arte”

“La dolce vita” di Fellini: il capolavoro che a Foggia volevano al rogo e che fu salvato dal giudice Vincenzo Magrone

In questi giorni, la pay tv di Mediaset ha riproposto più volte la versione restaurata del film di Federico Fellini La dolce vita . Un capolavoro assoluto della storia del cinema che ha corso il rischio di essere mandato al rogo, se non vi fossero state l’obiettività e la sapienza giuridica del giudice Vincenzo Magrone .

Continua a leggere ““La dolce vita” di Fellini: il capolavoro che a Foggia volevano al rogo e che fu salvato dal giudice Vincenzo Magrone”